Galleria virtuale


Dàvid Bolf

Mi chiamo Davide Muraro, in arte Dàvid Bolf.

Nato a Thiene nel 1998 ho frequentato il Liceo Artistico "A. Martini" di SCHIO ed ora, in ambito privato, realizzo dipinti ad acquerello e gouache nero su carta.

 

Opere

Le opere, realizzate con il solo colore nero, sono il frutto di una lunga ricerca personale, dove il continuo mescolarsi di luci ed ombre rispecchiano perfettamente il mio carattere. 

Contatti

Mail: dademuraro@gmail.com

Cell. 392 153 984

 

Vendita

 

Sostieni con me il mio progetto di ripopolazione arborea del territorio nazionale ed Internazionale 🌱



Portfolio

Una terapia, una medicina per anima e corpo, una meditazione profonda che mi riporta al presente.

Per riflettere.

Sacralità del momento, irrefrenabile pulsione e desiderio di sfogo mi portano a brandire il pennello, intingerlo in un nero di perplessità e cominciare un nuovo lavoro, dove luci e ombre combattono, si accavallano, si mescolano e danno vita alla carta.

Tutto diventa vivo e reale, tutto vibra di energia, lame di luce e voragini d'ombra.

Totalità.

Rovine, oggetti abbandonati o dimenticati, paesaggi sinistri...

...Il lascito dei SAPIENS.

Non esiste l'uomo in questa pittura, è scomparso, non domina più questo mondo.

Solo VEGETAZIONE, erbe, piante e fiori che, con fare famelico, divorano e inghiottono tutto ciò che a suo tempo era soggetto alla volontà dell'essere umano.

NON più.

La NATURA si è risvegliata, è tornata, si impossessa violentemente del paesaggio antropico tra i sassi e di ciò che in passato le è stato tolto malamente e senza rispetto.

Tutto ora rivive, in silenzio, tra ruderi e abbandono. Calma. Serenità. SILENZIO.

 

Sono Davide Muraro, in Arte David Bolf o più semplicemente DAVID.

Pittore ed artista visuale classe 1998, ho frequentato il Liceo Artistico "A. Martini" della città di Schio ed ora, in privato, realizzo quadri ad acquerello e gouache neri a tematica urbex, archeologia industriale e paesaggio urbano degradato.

Non è fatiscenza, è solamente la mia visione del mondo, oramai consumato dall'incuria dell'uomo e di una natura sempre più ribelle e desiderosa di riprendersi ciò che è sempre stato proprio.

 

DAVID